AUGE è La parola del giorno

La parola del giorno è

Auge

[àu-ge]

SIGN Apogeo, culmine; condizione di favore, successo, credito dall’arabo [aug] ‘apogeo, altezza’.

A scatola chiusa avrei scommesso su un’origine latina (magari da augeo ‘accresco, aumento’), e invece ecco una nuova sorpresa: questa parola appartiene alla numerosa e fascinosa famiglia delle parole del lessico astronomico di origine araba. Dall’arabo non ci arrivano solo alcuni fra i più suggestivi nomi di stella – da Altair a Deneb, da Vega a Betelgeuse, da Rigel ad Antares ad Aldebaran – ma anche termini correntemente impiegati per orientare le osservazioni astronomiche, come i punti dello zenit e del nadir, l’angolazione dell’azimut. E arrivando alla sorpresa di oggi, il culmine dell’auge.In effetti, nel significato astronomico, ad auge è solitamente preferito il sinonimo ‘apogeo‘, nel significato di punto più lontano dalla Terra – e perciò più alto – dell’orbita reale o apparente di un corpo attorno a essa. L’auge viene più volentieri richiamata nei suoi significati figurati: l’immagine del culmine, della posizione di suprema altezza, prende il profilo della condizione di consenso e favore generale e schietto, di successo rampante e sicuro, di indiscutibile credito – quasi fosse la condizione di un astro.Possiamo parlare di quando in medicina era in auge la teoria degli umori di Ippocrate o di quando era in auge il folle geghegè; ci facciamo difendere dall’avvocato in auge i cui servigi valgono bene il ricco onorario; storciamo il naso, gelosi, quando la nostra passione di nicchia viene in auge. Ed è bello trovare in queste espressioni comuni la meraviglia di un’altezza astronomica.

donna

Beffardo, La parola del giorno

Beffardo

[bef-fàr-do]

SIGN Chi si diletta nel far beffe; che mostra scherno o ironia con parole o comportamenti

derivato di [beffa], di origine onomatopeica.

Il diavolo non è brutto quanto si dipinge. Leggendo le definizioni di questa parola che ricorrono sui dizionari ci si fa l’idea che il beffardo sia un personaggio fortemente negativo. Derisione, sarcasmo, cinismo, crudeltà sono inclinazioni comunemente evocate per descriverlo. Ma tagli del genere prendono solo il peggio del beffardo. La beffa, per quanto scaturisca onomatopeicamente dal verso che si fa con una smorfia, è generalmente descritta come la burla messa con atti e parole per schernire e offendere. Ma se ben indirizzata con ironiaschietta e non verso i deboli e gli impotenti, ci si presenta come unostrumento di sfida intelligente ed efficace: insomma, non si può esiliare la beffa dal buono e giusto senza esiliarne, per esempio, anche la satira. Certamente il beffardo – che perdipiù è connotato da un suffisso spregiativo, -ardo, che ne segna l’eccesso – è spesso sarcastico e irrisorio. Trae un sincero piacere dagli effetti della beffa. L’amico dotto risponde in maniera beffarda agli ignoranti, il giornalista scrive un articolo beffardo sul festival, e davanti al nostro consiglio un ghigno beffardo non ci fa sperare che venga accolto. A questo possiamo aggiungere gli usi che associano il beffardo al destino, alla sorte, riconoscendo in essi una maligna ironia. Ma c’è anche spirito, nel beffardo, che non si inchina e non si piega: la vince chi affronta gli ostacoli con piglio beffardo, con tono beffardo rifiutiamo il compromesso losco, e una replica beffarda smonta l’intenzione di chi ci voleva umiliare. Sarà perché mi hanno sempre detto che ho un sorriso beffardo e quindi ho maturato un certo affetto verso questo carattere; sarà perché sono fiorentino, e la beffa a Firenze è una tradizione (certe volte per interagire serenamente coi fiorentini servirebbe il mediatore culturale). Ma non credo che nella beffa si possa trovare solo un coagulo di cinismo. È uno strumento, e se usato bene è uno strumento di libertà. E il beffardo, nel bene o nel male, è chi lo usa con intimo piacere.

 

La parola del giorno è : Ceffo [céf-fo]

Ceffo SIGN Muso d’animale; volto umano deforme; persona di aspetto sinistro

dal francese [chef] ‘capo’.

«Un brutto c…..» Purtroppo questa parola si è cristallizzata in espressioni stereotipate, tanto che i suoi significati logicamente precedenti sono spesso ignorati. Che cosa vuol dire, in sé, ‘c……’?

Ebbene, il c…. – la cui ascendenza francese inizia a spiegarcelo come ‘capo, testa’ – prende in italiano il primo significato di muso d’animale, specie di cane. Questo riferimento bestiale continua a connotare il c….- anche quando viene riportato su un volto umano: è un viso deforme, brutto a vedersi, magari grottesco, mai rassicurante. Ci si augura che l’arcinemico non mostri il suo ceffo, nella foto per la patente veniamo puntualmente con un c…..  raccapricciante. Ed è proprio la cifra dell’inquietudine a emergere come determinante del c….: la sua aura sinistra si estende alla persona intera – ossia al proverbiale brutto c….. , che ovviamente ci sta seguendo con fare febbrile o ciondola all’incrocio pulendosi le unghie con la punta del coltello, ma beninteso può anche non essere brutto (magari può essere un ceffo alto, un ceffo puzzolente, o ironicamente un bel c….., perfino).

Ce lo stavamo domandando e la risposta è sì: da ceffo viene anche il ben noto ‘ceffone’, ossia il colpo dato a mano aperta sulla faccia – alias ‘lo schiaffo’. È proprio un colpo schioccante sul muso. E anche il verbo meno noto ‘acceffare’ vien da qui, ed è l’afferrare con la bocca, con muso ferino. Non si fa a tempo a tagliare la schiacciata che tutti la acceffano.

 

La parola di oggi ti è piaciuta particolarmente?

Esprimi il tuo apprezzamento sul sito, aggiungila alle preferite, commentala, condividila sui social network e adottala con una donazione per sostenere il nostro lavoro!

unaparolaalgiorno.it