La parola del giorno è : Cafarnao

La parola del giorno è

Cafarnao

[ca-fàr-na-o]

SIGN Luogo di grande confusione, mucchio confuso

dal nome della città di [Cafanao], in Galilea, dove predicò Cristo.

Le narrazioni cristiane sono terreni che hanno dato un largo frutto al nostro lessico: per la loro diffusione e notorietà, e per la presa che hanno avuto sull’immaginario collettivo, molti nomi di personaggi, animali, piante, oggetti e luoghi ivi citati hanno preso profiliproverbiali, coagulandosi in antonomasie. Questo non è certo il primo che troviamo.

Cafarnao, in ebraico Kefar Nahum, ossia ‘villaggio della consolazione‘, era una città della Galilea, affacciata sul lago di Tiberiade. Qui si tramanda che Cristo abbia iniziato le sue predicazioni: e se già Cafarnao era una città movimentata, con le folle da lui attratte pare sia diventata eccezionalmente caotica. Di qui scaturiscono i significati figurati.

Un cafarnao è un luogo di grande confusione, e per estensione un mucchio disordinato: trasecoliamo quando il garage da riordinare si rivela un cafarnao terrificante; per quanto sia un cafarnao l’ufficio opera con un’armonia e un’efficienza formidabili; e non facciamo in tempo a sgombrare la scrivania che è di nuovo un cafarnao.

Non è una parola delle più consuete, ma il suo retroterra è solido, e tanto la forza dell’immagine quanto quella del bel suono pieno la rendono una risorsa da tenere a mente.

Peraltro va detto che vive (è vissuta) anche in una locuzione piuttostospecifica, “andare/ mettere/ mandare in cafarnao”, col significato di ‘inghiottire’ (l’idea è circa quella di gettare nella confusione dello stomaco). Per esempio la usa il Sacchetti nella novellacentoventiquattro del suo Trecentonovelle (libro spassosissimo, e la racconto perché è una delle novelle preferite di mio padre): narra di un celebre mangiatore, Noddo d’Andrea, che riusciva a spolverare anche il cibo più caldo. Quando un “piacevole uomo”, Giovanni Cascio, si ritrovò a tagliere con costui (le porzioni venivano servite su taglieri per due), Noddo iniziò subito a trangugiare i maccheroni “boglientissimi” che avevano loro portato, mentre Giovanni umanamente aspettava che si freddassero un poco. Così, per evitare che anche la parte che non gli spettava andasse in cafarnao nelle fauci di Noddo, Giovanni iniziò a gettare a un cane i propri maccheroni. Davanti a quello spreco Noddo prima rise ma poi pregò Giovanni di fermarsi: avrebbe mangiato più adagio. Si accordarono che (per rifarsi) per ogni boccone di Noddo Giovanni ne avrebbe mangiati due, e così il mangione fu domato e ricondotto a mangiare “a ragione”.

Nonnulla [non-nùl-la]

La parola del giorno è

Nonnulla

[non-nùl-la]

SIGN Cosa da nulla, minima, trascurabile

dal latino [nonnulla] ‘alcune cose’, neutro plurale di [nonnullus] ‘qualche’, composto di [non] e [nullus].

Una piccola ambiguità fa sorgere spontanea una domanda: il nonnulla è un niente, ma due negazioni (non-nulla) non dovrebbero affermare? In effetti è proprio così.

‘Nonnulla’ è un latinismo, e in latino significava proprio ‘alcune (cose)’. Insomma, letteralmente ‘non nulla’. E nel passaggio in italiano, allora, che cos’è successo? Niente di strano: il nonnulla, per quanto minimo e trascurabile continua ad essere qualcosa. Solo iperbolicamente diciamo che è un niente. Se quella testa calda del nostro amico si arrabbia per un nonnulla, vuol dire che si accende d’ira alla più innocente provocazione; se minimizzo il mio malanno dicendo che è un nonnulla, c’è ma non gli voglio dare peso; e per un nonnulla il cliente pretende di parlare col Megadirettore.

In questa parola osserviamo l’azione di un meccanismo psicologico e pragmatico estremamente importante. Nella nostra mente la negazione di un concetto si forma con l’immagine di quel concetto con una grossa croce sopra. Ma è un’immagine che resta, e che pesa.

Se dico che questa zuppa non è cattiva, evoco e nego un attributo negativo. Ma quel ‘cattiva’ risuona, e anche se poi la zuppa la mangio l’ho presentata male. Se dico che la mia casa non è una reggia, è quell’immagine di fasto che riecheggia – e per quanto sia piccola la sto comunque presentando positivamente. Così, anche se il nonnulla in effetti è qualcosa, è il nulla (negato) a dare il tono alla sua immagine.

* * *

La parola del giorno è : Ceffo [céf-fo]

Ceffo SIGN Muso d’animale; volto umano deforme; persona di aspetto sinistro

dal francese [chef] ‘capo’.

«Un brutto c…..» Purtroppo questa parola si è cristallizzata in espressioni stereotipate, tanto che i suoi significati logicamente precedenti sono spesso ignorati. Che cosa vuol dire, in sé, ‘c……’?

Ebbene, il c…. – la cui ascendenza francese inizia a spiegarcelo come ‘capo, testa’ – prende in italiano il primo significato di muso d’animale, specie di cane. Questo riferimento bestiale continua a connotare il c….- anche quando viene riportato su un volto umano: è un viso deforme, brutto a vedersi, magari grottesco, mai rassicurante. Ci si augura che l’arcinemico non mostri il suo ceffo, nella foto per la patente veniamo puntualmente con un c…..  raccapricciante. Ed è proprio la cifra dell’inquietudine a emergere come determinante del c….: la sua aura sinistra si estende alla persona intera – ossia al proverbiale brutto c….. , che ovviamente ci sta seguendo con fare febbrile o ciondola all’incrocio pulendosi le unghie con la punta del coltello, ma beninteso può anche non essere brutto (magari può essere un ceffo alto, un ceffo puzzolente, o ironicamente un bel c….., perfino).

Ce lo stavamo domandando e la risposta è sì: da ceffo viene anche il ben noto ‘ceffone’, ossia il colpo dato a mano aperta sulla faccia – alias ‘lo schiaffo’. È proprio un colpo schioccante sul muso. E anche il verbo meno noto ‘acceffare’ vien da qui, ed è l’afferrare con la bocca, con muso ferino. Non si fa a tempo a tagliare la schiacciata che tutti la acceffano.

 

La parola di oggi ti è piaciuta particolarmente?

Esprimi il tuo apprezzamento sul sito, aggiungila alle preferite, commentala, condividila sui social network e adottala con una donazione per sostenere il nostro lavoro!

unaparolaalgiorno.it

La parola del giorno è : Corpo

 

SIGN Parte determinata di materia; struttura fisica dell’uomo e degli animali; gruppo di persone; raccolta di opere

dal latino [corpus].

L’importanza di questo termine, forte di impieghi tanto vasti quanto coerenti, è testimoniata dal fatto che le sue più rilevanti articolazioni di significato le ritroviamo squadernate pari pari già in latino.

Il nocciolo intorno a cui prende corpo (!) questa parola è quello di una porzione definita di materia, estesa nello spazio – e gli usi più vicini a questo primo, generalissimo significato sono quelli che troviamo in fisica, in particolare nello studio degli stati e delle proprietà dei corpi. Ma nessun’altra scienza può fare a meno di questo termine.

Nel quotidiano il corpo per eccellenza resta quello umano, o animale, che intuitivamente è fra le prime porzioni di materia ad essere notata nella sua unità e nella sua importanza. Il carattere organico di questi corpi invita l’estensione di significato a gruppi coesi di persone (dal corpo docente ai corpi militari), e quindi di cose, opere (un corpo o corpus di scritti).

Ma non solo. Davanti a un’estensione articolata di materia il corpo può descrivere una parte più voluminosa o massiccia o comunque rilevante di questa articolazione: il corpo della chitarra è la cassa, il mal di corpo è un mal di pancia, il corpo dell’edificio è solo una parte del complesso architettonico, il corpo della macchina fotografica non comprende l’obbiettivo, e troviamo il corpo del saggio dopo prefazioni e preamboli. E ancora, il corpo arriva a indicare una fisicità figurata (che apre al ‘corposo’): si beve un vino con un gran corpo, si cerca una narrazione di corpo, una discussione di corpo è sempre apprezzata.

Ebbene, quando vediamo questa normale parola col suo semplice significato di ‘uno materiale’, di rado ci rendiamo conto di essere davanti a un fulcro essenziale del nostro pensiero e della nostra osservazione del mondo.

______________________________

(Dante, Paradiso XIV, vv. 61-66)

Tanto mi parver sùbiti e accorti

e l’uno e l’altro coro a dicer «Amme!», Continua a leggere