LASCIAMI IN PACE……

Lasciami in pace, torbido,

maniaco pensiero d’amore.

Considera la mia età

non duttile, il mio cuore,

le mie membra stanche.

Ma  tu t’annidi nei precordi,

e vuoi felicità.

Vuoi l’impossibile,

o idiota smania della vita.

T’insulto,

e tu mi strazi.

BARTY                                    12 03 12

 

 

DONNA

Tieni sempre presente che la pelle fa le rughe, 

i capelli diventano bianchi,
i giorni si trasformano in anni….
Però ciò che è importante non cambia;
la tua forza e la tua convinzione non hanno età.
Il tuo spirito è a colla di qualsiasi tela di ragno.
Dietro ogni linea di arrivo c`e` una linea di partenza.
Dietro ogni successo c`e` un’altra delusione.
Fino a quando sei viva, sentiti viva.
Se ti manca ciò che facevi, torna a farlo.
Non vivere di foto ingiallite…
insisti anche se tutti si aspettano che abbandoni.
Non lasciare che si arrugginisca il ferro che c`e` in te.
Fai in modo che invece che compassione, ti portino rispetto.
Quando a causa degli anni non potrai correre, cammina veloce.
Quando non potrai camminare veloce, cammina.
Quando non potrai camminare, usa il bastone.
Però  non trattenerti mai!!!

Madre Teresa di Calcutta

donna

CARME ALLA DAMA DI CUORI…(106-125)

ferma e debole al tepido mattino.                                     
   E ti guardo con gli occhi miei ammiccanti,
   chiusi dal grano cristallo salino.                                   108

Come attaccato da gloriosi fanti,
   sento il mio corpo conquista d’assedio,
   fragile coccio fra altri cuori affranti.                          111

Perché a sconforto ancor non v’è rimedio?
   E’ torto il mio? No! E in me, preso d’assalto,
   greve, cresce il torpore del mio tedio!                        114

Donna, conquistatrice d’ingegno alto
   e fine, tu, che nulla chiedi e gridi
   sulle tepide labbra in roseo smalto,                              117

cogli l’amore in te riverso e arridi
   a questi occhi smarriti in tua beltà!
   Mai opra miglior nel cor ascosi e vidi,                       120

mai in mirar distratto il pensier sarà!
   Tu, donna, d’amor fonte e gaudio eterno,
   fondi il cor mio col tuo a regia maestà,                      123

io, spirto mortal, pria avvolto nel verno,

   tu, donna, sacro unguento in mia ferita!                   125

Sir Whirlwind

 

CARME ALLA DAMA DI CUORI (76-105)

perché mai l’amor, per tutti captivo,
sempiterna gioia e fulcro d’arte,
gioca fanciullo e poi vola furtivo?                                      78

Oh tu, donna, tu, amore e di me parte,
dove vuoi andare ancor pellegrina?
Sta ferma! Guarda, ascolta bene: matte                             81

son le parole; pazza e folle ruina!
No, non v’è ruina se è l’amor disiato;
miglior magia non v’è ch’anima affina!                              84

Sulle tremule labbra, in volo alato,
il tribolar s’estingue; la passione
affonda col suo morso sciagurato,                                      87

travolgente marea fuori stagione,
sì stravolta e travolta in sua pastura,
naufrago flutto che nell’acque appone.                            90

Ahi perfido cor, perfida congiura,
il tribolar m’impingue e ancor deluso,
la burrasca divora, piena e oscura,                                   93

l’urlo dalle profonde fauci schiuso!
Mille grida indomabili e nevrili
ricadono in un tinto mar confuso,                                      96

rimescolato da quell’onde vili
che traggono a sé gl’ultimi vigori
di chi rifugge dagli abissi ostili.                                            99

Vicina averti, fra essenze di fiori,
è dir salvezza in placida rena;
dai pugni van via i granuli tesori                                      102

su cui il franger spumoso batte e mena;
l’aspro e fiero riverbero marino
sfiora rasente l’assolata schiena                                        105

Carme alla Dama di Cuori ……(46-75)

m’apprende e mi trascina in pien furore,     
   immortal sarai tu d’aurea bellezza;
   il tempo, prigioniero in me cantore,            48

fatto del mio dir sua salda fortezza,
   eterno echeggerà le rosee tinte
   che dipanano in me colme d’ebbrezza:        51

quando al vespero si saranno estinte
   le tremule faville dell’amore,
   altre, di nuovi e di altri amori cinte,              54

sorgeranno per nuovo spiro e ardore.
   Infinite carezze d’occhi, immersi
   nel sibilo fraseggio del colore,                         57

vagheranno tra questi antichi versi 
   tacendo la delizia che s’aggrava
   fra i palpiti di lacrime sommersi.                   60

L’amor, che, tra lapilli e calda lava,
   ferisce e affiora verso il cielo ombrato,
   s’insinua nella dura pietra e scava                 63

rutilanti e ampi solchi al suol bruciato.        
   Rivoli in fiamme, qual rapaci artigli,
   avvinghiano e trafiggono, predato,                66

il corpo che in singulto, tra bisbigli,
   rimira e prega il nascere a nuova vita,
   rompendo, nel cor, dé sensi i sigilli!               69

Donna, tu, sacro unguento in mia ferita,
   lenisci quel gemizio disvitale
   che m’empie il petto e in duol soffoca e trita!  72

Le tue mani ricaccino via il male
   che dirompe fuggiasco e recidivo
   qual continuo tramonto e aurora astrale:         75

Sir Whirlwind

 

TI AMO COSI…..

Ti amo cosi,

senza tempo nè spazio,

ti amo cosi,

con le mie forze e le mie debolezze,

ti amo cosi,

con il mio sorriso e le mie lacrime,

ti amo cosi,

perché  è cosi che voglio che sia,

ti amo cosi,

perché cosi so amare

barty                     17 02 12

Carme alla Dama di Cuori (22-45)

Nella sua cecità s’è rifugiato
   il memore pensier dell’armonia,
   che, folgore solare di rao afflato,           24

seco tralascia sull’infitta via
   l’ascetico silenzio del candore.
   Non c’è regina o più alta signoria          27

che dipinto abbia in sé sì tal splendore.
   Chi tanta meraviglia in te rifuse
   e d’unica beltà si fé fattore?                       30

Furono forse l’apollinee Muse
   che intessero le loro arti celesti
   vaneggiando le vanitose accuse               33

che da Venere invidia ricevesti?
   Donna sei di graziose linee e forme,
   tu, ninfa, che il sopito amore desti!          36

Ebbene sì, l’amor che più non dorme
   nell’eremo giaciglio, freddo e muto,
   calca sul niveo manto le nuove orme        39

con letargico passo lento e arguto.
   Dall’intimo risveglio affiora un canto
   che in segreto si fa custode astuto               42

di quel che per te è d’arte pregio e vanto:
   seppur mai vorrai cogliere nel cuore
   il nunzio della mia passion che tanto          45

Sir Whirlwind

CHARME ALLA DAMA DI CUORI……..(01-21)

Donna, ch’a te aspirar non posso in cor,
sì tal s’umilia al guardo il mio disiare,
tu, invidia alle brillanti gioie e all’or,            3

annienti il corpo le cui vesti avare,
lacere, a ricoprir si fanno fronda
sulle timide membra tratte e amare.             6

Dietro un sipario di vergogna affonda
il viso affanno, tacito dichino
all’estasi ch’immensa l’aere inonda:               9

l’acceso spirto del novello vino
è fresco lambir d’acqua passeggera
e tu, fervente ebbrezza del destino                12

che traccia e strugge il sonno d’ogni sera.
Il tormento m’assilla e mi percuote,
lume notturno e fuoco di chimera!                 15

D’un solo istante s’arma e in ardir puote
l’occhio mio guardar la divina imago
silente impressa nell’orbite vuote.                   18

Né il cavalier, ferito dal suo drago,
né il torto fior, dal suo gambo strappato,
con quel balsamo avranno il dolor pago.        21

SEGUE…………….

Sir Whirlwind

 

 

TUTTI I SANTI VANNO IN GLORIA..

Tutti i santi vanno in gloria,

specialmente all’interno di una storia,

che sia d’amore, d’odio  o di tristezza

loro vanno in gloria, ma e la sua vita che si spezza.

Sbriciolate le sue ossa,distrutta la sua mente,

sia stato il freddo inverno o il suo amore cocente,

alla fine non gli cambia niente.

maledetto dalla vita,dannato dal cervello,

poco importa sia stato questo o quello.

Il risultato finale parlava apertamente,

doveva dubitare anche della sua mente,

che gli faceva credere all’amore infinito,

ma bisognava essere in due, e lui non l’aveva capito.

La sua arrogante certezza

gli aveva fatto fin troppo tirare la corda,e alla fine si spezza,

e rimase solo con la corda in mano

lei se ne è andata e lui soffriva invano.

Quando la storia diventa vita

spesso ti scivola via tra le dita,

e li al culmine della sua boria,

provo sulla sua pelle che non tutti i santi vanno in gloria.

barty                        21/01/12