CONGREGA è La parola del giorno

Congrega

[con-grè-ga] SIGN Raduno, gruppo di persone per un fine o un interesse comune, spesso con valore spregiativo                                                                                                                                             da [congregare], uguale in latino, col significato proprio di ‘riunire in gregge’ e quindi ‘riunire, associare’, derivato di [grex] ‘gregge’, col prefisso [con-] ‘insieme’.                                                      La ricercatezza di questa parola, insieme al suo uso in ambito ecclesiastico, può fuorviare e farci pensare che descriva solo adunanze  di grande dignità: invece la sua immagine di base non è certo lusinghiera.                                                                                                                                             Si tratterebbe propriamente del raduno di un gregge – e quel prefisso ‘con-‘ sa sempre stupire per grazia e sintesi. Del gregge abbiamo tutti in mente quali siano i connotati negativi: un gruppo di animali irragionevoli, passivi, preda di passioni, e da sé sbandati. E se viene riferito a un gruppo umano non ha di solito connotati più generosi. La congrega scaturisce da qui, e a parte un tendenziale colore spregiativo si può solo dire che è una parola molto versatile, che descrive e il raduno e il gruppo.                                                                                                                            Possiamo parlare della congrega di adolescenti vocianti che occupano la piazza coi loro lazzi matti; al bar si danno volentieri appuntamento congreghe di tifosi turbolenti e appassionati; e al festival si muovono congreghe variopinte di persone in costume. Il fatto che questo termine appartenga a un registro alto fa osservare da quell’altezza e con una certa distanza il fenomeno della congrega. Parola splendida nel suo combinare concetti comuni in un’osservazione fine.

CERTI SGUARDI

IALINO è La parola del giorno

Ialino

[ia-lì-no] SIGN Dall’aspetto simile al vetro; incolore, trasparente dal greco [yàlinos], derivato di [ýalos] ‘vetro’.

Si potrebbe liquidare questa parola come raffinatezza letteraria sul viale del tramonto, eppure ha dei connotati che la rendono non solo imperdibile, ma davvero utile. Innanzitutto va notato che lo ialino (che suono splendido e inconsueto) ha l’aspetto, la trasparenza, la luce del vetro. È quindi una parola visiva, che non ci parla di caratteri di fragilità, di liscezza, di freddezza. Si può parlare dei riflessi ialini che barbagliano sulla tavola ingombra   di bicchieri, brocche e bottiglie, di un abito ialino e impalpabile che non lascia niente all’immaginazione, riguardiamo rapiti i petali ialini del fiore bagnato, e rassicuriamo chi ci chiede se è stato chiaro dicendo che è stato addirittura ialino. Peraltro nelle scienze trova larga eco in riferimento a minerali, membrane, cartilagini e degenerazioni di tessuti che all’aspetto ricordino il vetro.                                                                                                                  Ialino  Si contrappone con forza al vitreo, che pure parrebbe un suo sinonimo: mentre questo sviluppa dei significati tutti imperniati su un essere inanimato – niente è inerte come il vetro -, lo ialino è più versatile, e sa esprimere le qualità più poeticamente positive del vetro. Insomma, c’è una differenza corposa fra uno sguardo vitreo e uno sguardo ialino: il primo è immoto, fisso, il secondo è luminoso, trasparente.                                                                                                                          Se è vero, com’è vero, che il vetro è uno dei riferimenti metaforici più pronti e consueti, lo ialino non può essere scordato. Anche se la sua ascendenza greca non ne rende immediatamente perspicuo il significato, in ambienti in cui la lingua è poco sorvegliata.

IMPERTERRITO è La parola del giorno

Imperterrito

[im-per-tèr-ri-to]                                                                                                                          SIGN Che non si spaventa, che non si fa turbarevoce dotta recuperata dal latino [imperterritus], composto da un [in-] negativo e da [perterritus] ‘atterrito’, che viene dal verbo [perterrere] ‘spaventare’, a sua volta composto di [per-] nel senso di ‘completamente’ e [terrere] ‘spaventare’. Questa parola è formidabile per due motivi.                                                                                            Il primo è che si tratta del vivo contrario di una parola che in italiano è stramorta – ‘perterrito’. E le parole costruite come negazioni di una base che non si usa più hanno tutto il fascino di vecchie fortificazioni erette contro minacce ormai spente. Il secondo è quel ‘per-‘ di ‘perterrito’, un prefisso fortissimo, che trasforma il normale spaventato in un oltremodo spaventato.                        L’imperterrito ci si presenta quindi come chi o ciò che, nonostante la ragione di una paura agghiacciante, di un turbamento profondissimo, non si fa toccare. Insomma, sarebbe più che plausibile farsi prendere il cuore dal terrore, ma l’imperterrito non si sbigottisce. In questo senso è molto più preciso dell’imperturbabile o dell’impassibile, che non fanno una piega nemmeno davanti al motivo di gioia, o di riso. Piovono le difficoltà ma procediamo imperterriti verso il nostro obiettivo; anche davanti alla minaccia affermiamo imperterriti le nostre ragioni; e la ricerca imperterrita porta a un frutto straordinario.                                                                                                                          Poi sì, per estensione l’imperterrito può diventare in genere l’indifferente. Ma fargli perdere il nesso con la paura significa fargli perdere una cifra distintiva: piuttosto, si può avvicinare allo spavaldo, all’impavido – per cui continuiamo imperterriti a fare critiche taglienti, e interveniamo imperterriti per sventare uno scippo.                                                                                                                      Una parola splendida anche da pronunciare, forte di tutta l’accelerazione dell’accento sdrucciolo.

DCIM161GOPRO

CUORCONTENTO è La parola del giorno

Cuorcontento

[cuor-con-tèn-to] SIGN Persona placida e allegra, che non si affanna e si comporta con bonomia composto di [cuore] e [contento]. Siamo davanti a una parola modesta, costruita con semplicità. Però è una semplicità di potenza eccezionale, di sintesi formidabile.                                                            Chi è che ha il cuore contento? O meglio, chi ha il cuore contento come si comporta, da che cosa si riconosce, come è? A questa domandarisponde il cuorcontento – parola dai significati certo non tagliati con l’accetta, ma anzi piacevolmente sfumati.                                                                              Senza dubbio il cuorcontento è una persona allegra. Non euforica, allegra. Di un’allegria calma, placida. E poi è sereno: niente strepiti, nella sua gioia ottimista. Non si carica di pene e ansie, abbraccia la vita con bonomia mite e longanime. E si potrebbe dire che è misurato nei suoi desideri, e chissà quant’altro: la definizione del cuorcontento è un’interpretazione poetica, difficile da perimetrare in maniera compiuta.                                                                                                                        Usare questa parola significa far emergere nella realtà la qualità del cuorcontento, strutturarla, apprezzarla: si racconta con nostalgia di come il proprio fratello fosse un cuorcontento, a servire ai tavoli c’è un cuorcontento da cui c’è sempre qualcosa da imparare, e quel cane è un cuorcontento, amico di tutti.                                                                                                                                             Un caso esemplare: dalla combinazione elementare di parole possono scaturire le categorie di pensiero più intuitive, vaste, gradevoli.

PERIPEZIA è La parola del giorno

Peripezia                                                                                                                                                    [On-ri-a-day-a] SIGN Vicenda avventurosa, ricca di imprevisti e rischi; nella tragedia greca, mutamento rapido e imprevisto di una situazione, dal greco [peripèteia], da [peripetés] ‘che cade dentro’, composto di [peri-] (di solito vuol dire ‘intorno’, ma qui vale ‘dentro’) e [pìptein] ‘cadere’.Anche la storia di questa parola è stata una peripezia.La sua fama si deve ad Aristotele (un ottimo cavallo per questo genere di cose), che la usa nella sua Poetica come termine tecnico per indicare quei momenti delle tragedie in cui un rapido e imprevisto evento muta radicalmente una situazione. L’immagine etimologica è fulminante: ciò che cade dentro. Però non è una parola che è stata usata senza soluzione di continuità da Aristotele a noi: fu recuperata dal greco solo nel Cinquecento. In italiano è entrata non senza fiere opposizioni da parte dei puristi, per affermarsi quindi con un significato più generale che si discosta dal dramma: la peripezia diventa la vicenda avventurosa, costellata di rischi, pericoli e imprevisti – che si apprezza in tutta la sua articolazione dopo che con difficoltà se ne esce. La peripezia o più comunemente le peripezie, perché il fuoco di questa parola singolare rimane ciò che accade, ciò che cade inatteso dentro una vicenda, e possono caderci dentro tante cose, perciò si preferisce volentieri il plurale.Racconto con toni epici le peripezie burocratiche che ho attraversato per avere il permesso di costruire una tettoia, si leggono i resoconti delle peripezie di antichi esploratori, e dopo mille peripezie (sono sempre mille) arrivo all’appuntamento con solo due ore di ritardo. Una parola colorita e piacevolmente ricercata.

RACKET è La parola del giorno

Racket

[ràchet] SIGN Organizzazione della malavita diretta all’estorsione intimidatoria e violenta di denaro o di altri vantaggi a persone apparentemente consenzienti voce inglese, col primo significato di ‘chiasso, forte rumore’. Il più antico e principale significato di questa parola, nella lingua inglese, è quello di “chiasso”, “frastuono”, “suono molto forte e sgradevole”, ed ha probabilmente un’origine onomatopeica. Ma il senso che viene preso in prestito dall’italiano è quello che tutti conosciamo, utilizzato per riferirsi ad una attività illegale di estorsione di denaro, entrato nella lingua inglese alla fine del Diciottesimo secolo e la cui origine non è del tutto trasparente: un’ipotesi è che derivi da racquet, ovvero la racchetta per giocare a tennis o, ancora prima, un gioco simile al tennis da svolgersi con le mani completamente aperte. A questo riferimento al gioco che diventa sporco, che mira a raggirare e truffare le vittime, si unirebbe anche, come base rafforzativa, il termine rack-rent, ossia un pagamento (rent) “esagerato”, “esorbitante”, “superiore al dovuto” (letteralmente “allungato”, “disteso”), senza dimenticare che rack indicava, nel Medioevo, anche un vero e proprio strumento di tortura (da noi detto ‘cavalletto’, sostanzialmente un banco per dare scudisciate) che molto sembrerebbe ricordare i metodi violenti ed intimidatori tipici delle organizzazioni malavitose di cui parliamo. Un’altra ipotesi è che sia proprio il significato originario di “forte rumore” ad essersi ampliato, andando a designare un suono disturbativo sfruttato dai borseggiatori per distrarre le proprie vittime. In ogni caso, la voce passerà ad indicare, negli Stati Uniti, qualsiasi forma di estorsione di denaro, e lo stesso accadrà in italiano, che affianca questo anglicismo alle già numerose risorse possedute per denominare tali associazioni a delinquere ed i loro atti criminosi (i dizionari ricordano, ad esempio, malavita, mafia, camorra, organizzazione criminale, associazione criminale; ricatto, estorsione), prima per indicare una forma di estorsione attuata specialmente dai malviventi nordamericani con intimidazioni e violenze e poi con una accezione molto più generica, fino ad arrivare a sfruttarlo per individuare qualunque monopolio intransigente e spietato. Colui che svolge operazioni di racket è detto, in inglese, racketeer, parola inizialmente accolta da alcuni dizionari di italiano assieme al blando tentativo di adattamento costituito da racchettiere, entrambi ormai scomparsi e per cui vengono invece usati i vari corrispettivi italiani.

NOMEA è La parola del giorno

Nomea                                                                                                                                                        

[no-mè-a]       SIGN Fama, rinomanza derivato di [nome],        dal latino [nomen].                                   Basta una lettera in coda, e un termine come ‘nome’, tanto umilequanto fondamentale, si trasfigura.L’idea che sta alla base della nomea la conosciamo benissimo: il farsi un nome. In particolare quel suffisso -ea (-eo al maschile) è proprio di sostantivi e aggettivi denominali (nomi e aggettivi che derivano da nomi), e descrive un’appartenenza, una relazione – pensiamo al caldeo, all’euclideo, all’europeo. Il nome, nella nomea, non è un centro fermo, ma è catturato nel suo grande girare, nel suo essere fama, o per simile verso nell’echeggiare di una rinomanza.Ora, la cifra peculiare della nomea non è nel suo essere positiva o negativa (anche se di solito non è una reputazione positiva): sappiamo tutti che la fama è ambivalente. Piuttosto sta nella larghezza del suo suono, tenuto aperto e prolungato da quello iato finale, che le conferisce una solennità corposa e facile da volgere in ironia. Ci rivolgiamo al falegname che si è fatto la nomea di vero artista del legno; ci facciamo dare qualche dritta dall’amico che ha la nomea d’essere un gran casanova; e il ladro inveterato ha una nomea così meritata da essere perfino consultato per la risoluzione di qualche caso.  Una risorsa pronta, essenziale, facilmente spendibile, e insieme davvero brillante.

SFATARE è La parola del giorno

Sfatare

[sfa-tà-re (io sfà-to)]SIGN Screditare, dimostrare falsa una convinzione, formazione non chiara, probabilmente da un antico [fatare] ‘coprire con un incantesimo’, da [fata], che viene dal latino [fatum] ‘fato’.Se avessimo sempre presente la densità delle parole che scriviamo e pronunciamo, probabilmente ne scriveremmo e pronunceremmo molte meno.Oggi ‘sfatare’ ci si presenta come una parola pronta, facile da usare e forte di una bella suggestione etimologica, ma la realtà è un po’ più complessa: in effetti la storia, l’evoluzione di questa parola è decisamente oscura. Fa la sua comparsa in italiano con dei significati inaspettati – ‘scoraggiarsi, abbattersi’. Nel Cinquecento è attestata col significato di ‘spregiare, prendere in giro’. Solo alle porte del Novecento prende il profilo che conosciamo oggi.Ebbene, tralasciando queste incertezze, rimane una bomba. Propriamente l’azione dello sfatare sarebbe quella del togliere un incantesimo, dissipare un essere fatato, anche se in questo senso proprio non viene usato. Diventa invece lo screditare, il dimostrare la falsità di una credenza comune, o di una propria convinzione – quasi le si levasse di dosso la malìa di un manto magico che la distorce. Classicamente si sfata la leggenda, il mito; ma si può sfatare l’idea diffusa sull’insalubrità di un cibo, si possono sfatare critiche ricorrenti circa una pratica medica, o sfatare vecchi adagi popolari.A ben vedere, tanto largo è il richiamo al disperdere una magia che si possono subito spiegare anche i significati antichi dello sfatare: il vedersi levato un incanto d’ entusiasmo diventa uno scoraggiarsi, e niente come il riso, specie se sarcastico, sa spazzare via magia e fascino. Non che siano significati da recuperare attivamente, ma sono in grado di dare una profondità storica al nostro sfatare, così dialettico e logico, e spesso inconsapevole del suo diretto confronto col fatato.

FRANGENTE è La parola del giorno

Frangente

[fran-gèn-te]SIGN Onda che si frange in schiuma avvicinandosi alla spiaggia, o contro un ostacolo; momento difficile, circostanza grave; situazione participio presente di [frangere], uguale in latino.Una parola che unisce un disinvolto pragmatismo d’uso a una poesia disarmante.Il frangente sarebbe letteralmente ciò che sta rompendo o si sta rompendo, ma da più di sette secoli ha un significato preciso: l’onda che si frange, che rotola in schiuma, che si schianta su scogli e imbarcazioni. Per estensione diventa frangente anche il luogo in cui l’onda si comporta così – e si può quindi parlare di frangenti popolati di surfisti, di frangenti sempre immersi nella nebbia.Qui interviene l’analogia. Il frangente prende dapprima (parliamo del Trecento) il profilo del momento difficile, della situazione grave – quasi fosse il colpo dell’onda sul fianco del legno, e quindi l’accidenteimprovviso, che turba e tormenta. Nel frangente si convonca una riunione, è un frangente in cui c’è solo bisogno di un bravo avvocato, e in certi frangenti il socio dà il meglio di sé.Ma oggi questa analogia ha perso il riferimento univoco alla difficoltà, diventando in genere la situazione, la circostanza. Il saggio sviscera un certo frangente storico, proprio in quel frangente fa la sua entrata l’ospite d’onore, ed è nei frangenti meno opportuni che lo zio tira fuori le sue barzellette laide. Tanto neutro è diventato in sé il frangente che, se vuole attagliarsi a momenti di difficoltà, va colorato con un attributo specifico: (guardando gli esempi fatti prima) si parla di grave frangente, di frangente delicato, di brutti frangenti.E così l’analogia diventa ancora più bella: l’onda che sta crollando diventa simbolo della situazione, dell’istante. Roba buona, eh?